Storytelling orale

“…alla fine Bree disse, “Ed ora, Tarkheena, raccontaci la tua storia.” […] Lei iniziò immediatamente, sedendo quasi immobile e usando un tono e uno stile assai diversi da quelli soliti. Poiché a Calormen il raccontare storie (si tratti di storie vere o inventate) è qualcosa che si insegna, come ai bambini inglesi si insegna a scrivere componimenti. La differenza è che la gente ha voglia di ascoltare racconti, mentre non si è mai sentito di qualcuno che abbia voglia di leggere i componimenti..”
C.S. Lewis, Le Cronache di Narnia
La narrazione di racconti ha un enorme potenziale nel favorire l’acquisizione di abilità fondamentali, come competenze verbali e comunicative nella propria lingua madre e in lingua straniera, comprensione di culture diverse, competenze digitali, immaginazione e creatività, consapevolezza ed espressione della propria cultura, e così via.
I partner del progetto TALES sono fermamente convinti che una scuola in cui l’istruzione sia offerta in parte attraverso la narrazione di storie e simili approcci sia in grado di attrarre in maniera più efficace la motivazione degli studenti, a causa dell’apertura dell’ambiente, degli elementi creativi e interattivi e della valorizzazione di culture diverse. Altri vantaggi previsti comprendono livelli di motivazione più alti, migliore integrazione, riduzione dell’abbandono scolastico e un miglioramento nel successo scolastico di studenti provenienti da famiglie di immigrati.
Compatible with Internet Explorer (version 8 and higher), Firefox, Chrome, Safari.